10 giu

Innovazione e Strategia: le metafore LEGO®

workshop LSP innovazione
(0)

Aziende leader e importanti istituzioni utilizzano le costruzioni LEGO® per creare straordinari momenti di scoperta, individuale e di gruppo, per favorire il pensiero strategico e l’innovazione: anni di ricerca mostrano in modo inequivocabile che questi risultati possono essere ricondotti a due principi fondamentali, strettamente collegati fra di loro:

  • il pensiero metaforico
  • la connessione mano-mente

Una metafora descrive qualcosa come se fosse qualcos’altro: è una mappatura di un dominio (in genere astratto, poco conosciuto o difficile da descrivere) su un altro (più concreto, familiare o semplice) – frasi come “il tempo è denaro”, “l’azienda è una famiglia” o “Giulietta è il sole” (W. Shakespeare), ma anche le favole di Esopo, sono metafore astratte, perché l’associazione avviene tra costruzioni mentali (parole, concetti, immagini) – sono invece metafore concrete quelle in cui usiamo almeno un oggetto fisico (un cuore, un leone, un teschio…) per dire qualcosa su qualcos’altro (sentimenti, situazioni, idee…).

Muoverci su un piano (dominio) diverso da quello di partenza, ci permette di distaccarci dai vincoli fattuali che ci condizionano, di scoprire cose nuove sull’oggetto originale negli attributi della metafora, in sostanza di attingere modi radicalmente nuovi di comprendere la realtà.

La scoperta della connessione mano-mente si può far risalire a W. Penfield, il neurologo che visualizzò, in una mappa (ricordate il celebre e deforme “homunculus”?), come il maggior numero di terminazioni sensoriali corticali si concentri nelle mani. L’aspetto neurologico diventa cognitivo nella teoria di S. Papert – allievo di J. Piaget, contestava al maestro la convinzione che il pensiero “astratto” e simbolico fosse un’evoluzione di quello “concreto”, ritenendoli invece semplicemente due forme diverse, con eguale dignità, di pensiero. Anzi,

Papert riteneva che apprendiamo al meglio quando “costruiamo” consapevolmente qualcosa di reale e fisico (“costruzionismo”) – nelle sue parole: “se costruiamo nel mondo costruiamo nella mente”.

Combinando la connessione mano-mente e il pensiero metaforico, costruendo con le mani metafore concrete di qualcosa di significativo (per un progetto, un’organizzazione…), riusciamo a pensare in modo nuovo e creativo, facciamo emergere conoscenza inesplorata, nascosta alla nostra mente da condizionamenti esterni e dalla sua stessa complessità.

I mattoncini e le mini-figure LEGO® sono un mezzo straordinario (flessibile, facile da usare, riutilizzabile all’infinito) per realizzare attività esperienziali di gruppo, che coinvolgono costruzioni metaforiche.

A un livello superficiale possiamo utilizzare i componenti LEGO® per costruire qualcosa in base a istruzioni dettagliate – in questo caso la metafora non è nell’oggetto della costruzione, ma nel processo stesso, di cui sperimentiamo caratteristiche e necessità (gruppi su processi paralleli, coordinamento, comunicazione, comprensione e condivisione di obiettivi e visione…). Eliminando le istruzioni – la struttura da costruire viene definita genericamente – si arricchisce la metafora, aggiungendo dimensioni dello sviluppo creativo – invenzione, fattibilità e praticabilità.

Il ruolo della connessione mano-mente, e la conseguente profondità di esplorazione e scoperta, diventa centrale nella costruzione e condivisione di modelli individuali:

  • nei processi di Design Thinking, costruiamo manualmente “prototipi” – metafore di qualcosa che vorremmo realizzare – che vengono utilizzati per cercare il feedback di altri, attraverso la narrazione
  • nei processi di innovazione che utilizzano Canvas (Business Model, Project Model, Mission Model…), si possono arricchire la discussione e l’esplorazione con rappresentazioni metaforiche dei contenuti dei vari “blocchi
  • al livello più evoluto abbiamo il metodo LEGO® SERIOUS PLAY® – un processo facilitato di problem solving e innovazione – esplorare attraverso la costruzione e la narrazione di metafore permette di scoprire, condividere e trovare il consenso. Ma per questo ci vuole un articolo specifico…!

Sappiamo che creatività e innovazione sono stimolate dall’esistenza di “vincoli” – quindi tutte le attività di costruzione metaforica con i LEGO® generano i migliori risultati limitando i pezzi e il tempo a disposizione per costruire…provare per credere!

 

by Marco Ossani

Cosa ne pensi? Scrivi la tua opinione in un commento

Categories: blog
to-top